I CRAMPI FERMANO RUNE CONTRO DJOKOVIC. NOLE: SI E’ COMPORTATO MOLTO BENE, HA IL MIO RISPETTO

I CRAMPI FERMANO RUNE CONTRO DJOKOVIC. NOLE: SI E’ COMPORTATO MOLTO BENE,  HA IL MIO RISPETTO
Aug 31, 2021; Flushing, NY, USA; Novak Djokovic of Serbia, right, after beating Holger Vitus Nodskov Rune of Denmark on day two of the 2021 U.S. Open tennis tournament at USTA Billie Jean King National Tennis Center. Mandatory Credit: Robert Deutsch-USA TODAY Sports

I crampi hanno fermato il “nostro” Holger Rune che questa mattina ha imposto un tie-break a Novak Djokovic, ma poi ha visto sfumare le proprie chance di passare al secondo turno. Nonostante l’impresa improba, il vincitore degli Internazionali di Verona è rimasto in gara con carattere e determinazione ribaltando al secondo set il risultato del primo ed impattando la gara col numero 1 del mondo. Per ATP Torur.com, non è stato un inizio perfetto per la rincorsa di Djokovic  al Grande Slam. Dopo un “singhiozzo” nel secondo set, Nole ha battuto la stella del #NextGenATP Holger Vitus Nodskov Rune 6-1, 6-7(5), 6-2, 6-1 in due ore e 15 minuti di fronte a una folla rumorosa dell’Arthur Ashe Stadium. L’adolescente danese ha sofferto di crampi negli ultimi due set.

«È difficile parlare del terzo e quarto set perché si è mosso a malapena. [Da] parte mia, ho iniziato alla grande. Ha giocato un primo set davvero, davvero buono. Dopodiché, non lo so, ero 4-3 al servizio nel secondo set. Tutto funzionava bene, ma poi ho perso il primo servizio – ha detto Djokovic -. Merito a lui per aver combattuto. Aveva la folla dietro di lui. È stato difficile giocare nella mia prima partita, anche se avevo tonnellate di esperienza giocando su questo campo, per lui è stata la prima.  Ovviamente sono contento di come ho finito la partita. Ancora una volta, non è stata una battaglia leale in campo con il suo sfortunato infortunio e crampi».

Djokovic è ora a sei vittorie da diventare il primo uomo da Rod Laver nel 1969 a rivendicare tutti e quattro i titoli principali in una stagione. Il tre volte campione degli US Open affronterà l’olandese Tallon Griekspoor.

Entrando nel match, il 18enne Rune ha detto a ATPTour.com: «Avevo  molta fiducia in me stesso anche se mi confrontavo col numero 1 del mondo». Il vincitore di Biella, San Marino e Verona lo ha dimostrato giocando coraggiosamente nel secondo set e prendendo un tie-break teso, durante il quale ha portato tutti gli spettatori di New York dalla sua parte. Ma alla fine, non è stato in grado di sostenere il suo gioco aggressivo abbastanza a lungo da disturbare ulteriormente Djokovic. Rune è stato visitato dall’allenatore in più occasioni negli ultimi due set per ricevere un trattamento sulla parte superiore delle gambe. Djokovic ne ha approfittato colpendo 55 vincenti a soli 30 errori non forzati.

«Sfortunatamente, la mia forma fisica mi ha deluso. Ho iniziato ad avere crampi già all’inizio del terzo set. Da lì in poi, è stata dura – ha detto Rune -. Sapevo che se volevo vincere, dovevo davvero lottare per ogni punto. Con il mio corpo a questo punto, era impossibile».

Dopo il match point il 20 volte vincitore del Major, che può superare Roger Federer e Rafael Nadal per la maggior parte dei titoli dello Slam con un trofeo alla fine di queste due settimane, ha avuto un lungo scambio con Rune a rete per dargli incoraggiamento.

“Gli ho detto che si è comportato molto bene. Non voleva fermarsi”, ha detto Djokovic. “Pensavo che si sarebbe fermato alla fine del terzo. Ha continuato ad andare avanti con dignità, ha finito la partita. Meritava sicuramente il mio rispetto, il rispetto di molte persone. È ancora molto, molto giovane, 18 anni. Ha un sacco di tempo davanti a sé. Sono sicuro che vedremo molto di lui in futuro”.

Nonostante la sconfitta, Rune non dimenticherà mai la partita. La folla ha persino cantato “Rune!” a sostegno dell’adolescente. “Non ho mai provato niente di simile. È stata una sensazione incredibile stare lì. Ho cercato di dare qualcosa alla folla, lottare per ogni punto, essere pompato e tutto il resto”, ha detto Rune. “La folla era incredibile. Non avrei potuto chiedere di più. Non ho mai provato niente del genere”.